Out of stock

Alma Venus. Piero Serboli

Le opere di Piero Serboli lasciano emergere chiaramente la complessità semantica che definisce l’autentica natura della sua arte e l’estrema abilità nel coniugare forme e contenuti, e dare concretezza visiva a concetti vicini all’astratto. […] Con le sue Veneri anadiomeni, Serboli indaga adesso, il magico universo del mondo femminile, celebrandone le infinite sfaccettature e cogliendone implicazioni storiche, mitologiche, religiose, sociali, culturali e sentimentali attraverso la reiterazione di figure pressoché uguali, a ciascuna delle quali pochi elementi simbolici fanno assumere una connotazione assolutamente univoca. (Giampaolo Chillè)

Anche in queste Veneri “dell’anima” Serboli riflette, coglie e sperimenta una meditazione sull’arte, sulla rappresentazione materica e pittorica incentrata sulla corporeità, sull’essere sociale, sul femminile e, in particolare, sulla forma triangolare e “centrale” del corpo ove risiede l’anima, la forza oscura ed energetica dell’essere donna come “origine del mondo”, come sguardo assoluto e simbolico della vita. (Fiorella Nicosia)

L’autore usa pochi simboli per caratterizzare le screziate sfaccettature femminili: la conchiglia, chiara allusione alla dea della bellezza e dell’amore, Venere, nata dalle acque; l’uovo, indiscriminato richiamo alla maternità e alla fecondità; tuttavia, l’elemento che appare più di frequente è il triangolo, emblema per eccellenza della donna, secondo Serboli, simbolo di forza, perfezione, e soprattutto di energia, rappresentato in diverse espressioni. (Katia Giannetto)

COD: (978) 12 8080 012 Categorie: ,

 12.00

Esaurito

Descrizione

Alma Venus. Piero Serboli

Autori: Giampaolo Chillé, Katia Giannetto, Fiorella Nicosia

Informazioni aggiuntive

Peso 200 g
Dimensioni 17 × 24 × 2 cm
Autori

Fiorella Nicosia, Giampaolo Chillè, Katia Giannetto

Formato

Paperback

Lingua

Italiano

Pagine

80

Editore

Edizioni Mancuso

Anno di pubblicazione

2004

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Alma Venus. Piero Serboli”