I nostri autori

Gli autori dei nostri libri

landscape4

F. Campagna Cicala

Francesca Campagna Cicala, già direttrice del Museo regionale di Siracusa prima e di quello di Messina poi, è autrice di decine di contributi alla storia dell’arte italiana e in particolare siciliana.
Dal 1968, con le numerose schede redatte in «Bollettino d’arte», nn. 2-3 a quelle in Le arti decorative del Quattrocento in Sicilia del 1981; dalla cura di Opere d’arte restaurate nel messinese del 1979 a La pittura in Sicilia nel Quattrocento in Federico Zeri, La pittura in Italia. Il Quattrocento; da Messina. Museo regionale del 1992 a Le icone del Museo di Messina del 1997, da La pittura del Cinquecento in Storia della Sicilia al monumentale Pittura medievale in Sicilia, passando per i numerosi contributi su Girolamo Alibrandi, Caravaggio e i caravaggeschi Alonzo Rodriguez e Mario Minniti.

landscape2

A. Italiano

Andrea Italiano è nato a Barcellona Pozzo di Gotto nel 1980. Si è laureato al dams di Palermo con Teresa Pugliatti. Ha pubblicato le raccolte poetiche Guerra alla tonnara (2011), Solo l’uomo (2016), La coca (2021).
Per la saggistica d’arte ha pubblicato: Caravaggio in Sicilia. L’ultima rivoluzione (2013), Novara d’Arte (2014), L’arte con i miei occhi (2015), La Basilica di San Sebastiano in Barcellona (2016), Filippo Jannelli 1621-1696 (2017), Straordinari (2018), Sulle tracce di Caravaggio. Alonzo Rodriguez “principe dei pittori messinesi” (2020).

portrait5

B. Mancuso

Barbara Mancuso è professore associato di Storia dell’arte moderna presso il dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania, dove insegna anche Storia della critica d’arte ed è presidente del corso di studi in Beni culturali. Ha dedicato i suoi studi alla storia dell’arte e alla storia del collezionismo in Sicilia. Negli ultimi anni ha concentrato le sue ricerche sulle fonti scritte per la storia dell’arte in Sicilia e su Le vite de’ pittori messinesi di Francesco Susinno. Con la casa editrice Magika (oggi Alessandro Mancuso Editore) ha pubblicato Le raccolte del canonico Giuseppe Alessi e il collezionismo in Sicilia tra XVIII e XIX secolo (2012); Scrivere di marmi. La scultura del Rinascimento nelle fonti siciliane (2017) ed ha curato il volume Pitture in collezione. Venti opere del museo civico di castello Ursino (2018).

portrait4

S. Todesco

Sergio Todesco si è laureato in Filosofia. Ha diretto per vent’anni la Sezione antropologica della Soprintendenza di Messina, svolto attività di docenza presso le Facoltà di Magistero e di Scienze dell’Università degli Studi di Messina nelle discipline demo-etno-antropologiche e museografiche. Dirigente superiore dal 1999, ha diretto il Museo regionale “Giuseppe Cocchiara” di Mistretta e il Parco archeologico dei Nebrodi occidentali, è stato Assessore alla Cultura e alle Identità del Comune di Messina. Dal 2013 al 2015 ha diretto la Biblioteca regionale universitaria di Messina, ricoperto numerosi incarichi istituzionali nel settore dei beni culturali, curando mostre e partecipando in qualità di relatore a svariati convegni di studi nazionali e internazionali.
Ha al suo attivo, oltre a numerosi saggi, e pubblicazioni

portrait5

G. Barbera

Gioacchino Barbera, dirigente superiore nei ruoli della Regione siciliana dal 1983 al 2016, per molti anni è stato direttore della Sezione beni artistici della Soprintendenza di Siracusa, poi direttore del Museo regionale di Messina e da ultimo, a Palermo, direttore della Galleria regionale della Sicilia di palazzo Abatellis.
Ha pubblicato – in riviste specializzate, cataloghi di mostre e atti di convegno – numerosi saggi e schede. Tra le sue pubblicazioni va ricordata la monografia Antonello da Messina (1998). Specialista di pittura siciliana dell’Ottocento e del primo Novecento, dei suoi contributi sull’argomento si segnalano il saggio in La pittura in Italia. L’Ottocento (1991) e, con altri, la cura della mostra “Francesco Lojacono 1838-1915” (2005) e del catalogo delle opere della Galleria d’arte moderna di Palermo (2007).

portrait1

L. Giacobbe

Luigi Giacobbe si è specializzato in storta dell’arte presso Università di Siena dove ha anche conseguito il dottorato di ricerca in “Innovazione e tradizione. L’eredità dell’antico nei moderno e nel contemporaneo”. Ha scritto alcuni saggi sull’arte siciliana in particolare sulla pittura del Settecento e dell’Ottocento. Ha redatto voci bibliografiche e biografiche per: La pittura in Italia. Il Seicento (1989). The Dictionary of Art (1996); Pittori e pittura dell’Ottocento italiano. Dizionario degli artisti (1997-1999). Ha pubblicato Allegoria greca. Dipinti di Giacomo Conti per il Circolo della Borsa e il Teatro Santa Elisabetta – Vittorio Emanuele (2004). Ha fatto parte del G.Ri.Fo (Gruppo ricerca fotografica) di Messina e ha curato la sezione fotografica Terremoti e distruzioni, un equilibrio interrotto per il volume Sicilia. I luoghi e gli uomini a cura di G. Campione e E. Sgroi (1994).

portrait3

M.K. Guida

Maria Katja Guida, storica dell’arte e funzionaria presso la Soprintendenza BB.CC.AA. di Messina, è autrice di saggi e schede in miscellanee oltre ad aver pubblicato il catalogo della mostra La Madonna delle Vittorie a Piazza Armerina dal Gran Conte Ruggero al Settecento (2010), Le icone postbizantine in Sicilia. Secoli XV-XVIII (2014), Arti al centro. Ricerche sul patrimonio culturale della Sicilia centrale 1861-2011 con P. Russo (2015), La cultura artistica del Duecento nella Sicilia centrale (2018), La Madre di Consolazione a Piazza Armerina e altre icone postbizantine in Sicilia (2018), Conversazioni d’arte in Sicilia: quaderno delle giornate di studio con S. Lanuzza (2018), Gli affreschi della chiesa dei Quattro Santi Dottori a San Marco d’Alunzio. Cultura artistica e restauro con Davide Rigaglia (2021).

portrait2

T. Pugliatti

Teresa Pugliatti si è laureata in Lettere con una tesi in Storia dell’Arte sul pittore toscano Filippo de Liagno detto il Napoletano, relatore Alessandro Marabottini. Ha insegnato Storia dell’Arte moderna nell’Università di Messina e di Palermo. I suoi contributi scientifici, espressi in oltre duecento pubblicazioni, vanno dal Quattrocento fino ai movimenti europei di fine Ottocento-primo Novecento, non senza alcune escursioni nell’architettura abbaziale medievale.
Tra i volumi si ricordano Agostino Tassi tra conformismo e libertà, Giulio Mazzoni e la decorazione a Roma nella cerchia di Daniele da Volterra, Pittura del Cinquecento. La Sicilia orientale, Pittura del Cinquecento. La Sicilia occidentale, Antonello da Messina. Rigore ed emozione, Pittura della tarda maniera nella Sicilia occidentale.